Franco Loi ~ Poesie del silenzio

 

Rauschenberg

Robert Rauschenberg, White Painting [three panel], 1951; latex paint on canvas, 182.88 cm x 274.32 cm; Collection SFMOMA, New York, NY

 

Silensi

 

1.

Me sun perdü tra i scal, cercavi i port
e û truâ un silensi che spetava
növ, pien de mì e del cercà la sort…
… i scal ne la matina se perdeven
e mì slentavi el pass per mai rivà…
… ah, dré di veder el fiâ della campagna!
bèj firàgn de l’üga ch’j se sgrana,
la lüs del sû ch’aj castenmatt se sfa,
la gioia de la tusa’ m’encantada…
… cume se fa a dì queèl sbandunàss?
quèl stà suspes tra i port sensa parola?
La vûs sculta la vûs per retruàss,
el temp che dré del temp se fa de aria…
… L’è lì, la sta sül fil de la campagna,
e par che nel tasè l’è un recurdàss…

 

 

Mi sono perduto tra le scale, cercavo le porte / e ho trovato un silenzio che aspettava, / nuovo, pieno di me e del cercare la sorte… / ..le scale nella mattina si perdevano / e io rallentavo il passo per non arrivare… / .. ah, dietro i vetri il fiato della campagna! / i bei filari d’uva che si sgranano, / la luce del sole che agli ippocastani sembra rarefarsi, / la gioia della ragazza come incantata… / .. come si può descrivere quell’abbandonarsi? / quello stare sospesi fra le porte senza parola? / La voce ascolta la voce per ritrovarsi, / il tempo che aldilà del tempo si fa aria… / … È lì, sta in piedi al filo della campagna, / e pare che nel tacere sia un ricordarsi…

 

 

2.

Me sun lassâ dré i spall quèl tropp silensi
In strada i vûs, rümur, di ùmber, sender…
… E chi sì, òmm, che ve ciamì citâ?
Drè i pass, quèl curridur, i lett de féver,
quj corp strambâ de gèss j èm insugnâ…
Me sun fermâ sü l’üss, e tra quj veder
‘me d’aria un lett dal büs del l’ascensör…

Amîs, fradèj d’assogn… Un’aria smorta
la vègn sü la barèla, e par che spiör
i vûs di gent che passa, ‘me de cera
bianch infermer che van due diu vör…
.. quèl nient che dai fenester vègn de sera
e l’è la vita che la s’enventa el mör…
… Alegher, car amîs, sü cun la ciappa!
fèm no de fenta al feng! aria ai cujun!
La gent la rìdd, la piang, al scür la scappa
e nüm se fèm brascià da ilüsiun…
Me sun lassâ svelià dopu el silensi
e aj ùmber sun andâ de la citâ.

 

Mi sono lasciato dietro le spalle quel profondo silenzio… / In strada le voci, rumori, alcune ombre, cenere… / … e chi siete, voi, uomini, che vi chiamate città? / Dietro i passi, quel corridoio, i letti di febbre, / quei corpi mutilati e ingessati li abbiamo sognati… / Mi sono fermato sull’uscio, e tra quei vetri / come d’aria un letto appare dal buco dell’ascensore… // Amici, fratelli del sogno… Un’aria smorta / scorre sulla barella e pare che spiovano / le voci della gente che passa, e come di cera / bianchi infermieri vanno chissà dove / … quel niente che dalle finestre viene la sera / ed è la vita che s’inventa il morire… / Allegri, cari amici, diamoci da fare! / Non aggiungiamo finzione alla finzione, aria ai coglioni! / La gente ride, piange, nel buio scappa / e noi ci facciamo abbracciare dall’illusione… / Mi sono svegliato dopo quel silenzio / e alle ombre sono tornato della città.

 

 

3.

Recòrdi ‘na mia câ sensa memoria
due süj piastrèj mì ghe giügavi al sû
e föra el piuisnà l’era ‘na storia
che nel scultala me pareva un mund…
.. ah bèl silensi! e lüs da ‘na fenestra,
e mì desmentegâ in mezzo al sû!
Recòrdi quèla câ sensa memoria
fra j ort, i bianch tendin, el trèm del dí,
el ciel che vègn a mì cunt el scires,
i vûs luntan di donn ch’j ciama aj vill…
Tra ‘l nient d’un piuisnà curr la memoria,
fenestra d’una câ che cerca mì.

 

Ricordo una mia casa senza memoria / dove sulle piastrelle io giocavo al sole / e fuori il piovigginare era una storia / che nell’ascoltarla a me pareva un mondo… / .. Ah bel silenzio! e luce da una finestra, / e io dimenticato in mezzo al sole! / Ricordo quella casa senza memoria / fra gli orti, le bianche tendine, il tremare del giorno, / il cielo che viene a me con il ciliegio, / le voci lontano delle donne che chiamano dalle colline… / Tra il niente d’una pioggerella corre la memoria, / finestra d’una casa che cerca sempre me.

 

 

4.

Balavi, e l’era l’aria tra i mè brasc,
e gh’era un corp, el mè, cuj gamb che trèma:
muevi dumâ i pass, e me slisava
cume d’amur de lé de l’aria i strasc…
Oh tusa, niascìn strecc, ala de passer
quan’ ne la man te ‘l tègnet cun amur,
sun mì che trèma o tì cun la man vera
te strénget el silensi d’un dulur?
.. Balavi, e l’era l’aria tra i mè brasc,
e inturna gh’ern corp sensa memoria,
e mì tasevi, e l’aria cunt i man
la stava in scoss a mì, e mì quèl’aria
me piâs de bêv e pö mai pü sveliàm.

 

Ballavo, ed era l’aria tra le mie braccia, / e c’era un corpo, il mio, con le gambe tremanti: / muovevo soltanto i passi, e mi scivolava / come d’amore di lei dell’aria il soffio … / Oh ragazza, nidiacea stretta a me, ala di passero / quando nella mano lo tieni con amore, / sono io che tremo o tu con la mano vera / stringi il silenzio d’un dolore? / … Ballavo, ed era l’aria tra le mie braccia, / e intorno c’erano corpi senza memoria, / e io tacevo, e l’aria con le mani / stava in braccio a me, e io quell’aria / mi piaceva berla e poi mai più svegliarmi.

 

 

5.

Penser penser penser… e mai silensi.
La machina del nient se ferma mai,
l’è l’òm che mai se sculta nel so nient …
l’è cume ‘n’ òss che passa la furmiga
e resta òss de òss surd al so sangh…
e cume ciama dent el tò bèll vent!
e cume in dormia la vita la scarliga!
Sèm ciucch del nost pensà e di turment
e quel che l’era lüs se de sfiga.

 

Pensieri pensieri pensieri… e mai silenzio. / La macchina del niente non si ferma mai, / è l’uomo che mai si ascolta nel proprio vuoto… / è come un osso su cui passa la formica / e resta osso d’osso sordo al proprio sangue… / e come chiama dentro il tuo bel vento! / E come in sonno la vita scivola via! / Siamo ubriachi del nostro pensare e tormentati / e quel che era luce si fa disgrazia.

 

 

6.

Gh’è un lungh silensi e lé se fa de carna…
Ma l’è un corp quèl rosalüs che trèma?
Ah tì de lüna che te dé l’amur,
tì che del bèll te sét la sua figüra,
ànema biunda che suspira aj fiur!
Sù pü chi sun, sù pü quel che me ciama
den’ ‘sta pagüra de vurè basà,
vurè vèss tì nel curr d’una tua vita
che la tua furma regala al mè vardà.

 

C’è un lungo silenzio e lei si fa di carne… / Ma è un corpo quel rosaluce che trema? / Ah tu di luna che doni amore, / tu che del bello sei la sua figura, / anima bionda che sospiri ai fiori! / Non so più chi sono, non so più quel che mi attrae / dentro questa paura di voler baciare, / voler essere nel correre d’una tua vita / che la tua forma regala al mio guardare.

 

 

7.

Su no l’era ver o l’era fent
quel dí nel curridur de la mia câ…
Nüm in cüsina, giügavum cunt i lègn
a fàsü punt, castell, mür d’ogne câ…
Nüm in cüsina, serum nel silensi.
“Tè sentü?” “Û sentù..” e lì ne l’aria
cume d’un campanell sòna la câ…
.. drin drin drin … drin drin drin … e la sua aria
la ghe tucava, mì e Sergiu, cun ‘na sua man,
e nûm vedevum i veder fàss de aria
intanâ dré la cardensa ‘m’i pavan…
.. èm vist i sgrisur, èm tastâ la mort..
.. pö, gh’è stâ ‘n ciòcch de ciav e, nel tran tran,
mè màder vusa “Cò fìv? .. e sbarr aj port?”
“Giocavamo” û dî de sfrus, e ‘l curridur
l’era el silensi, e gh’era pü la mort.

 

Non so se era vero o era finto / quel giorno nel corridoio della mia casa … / Noi in cucina, giocavamo con i legni / a fare ponti, castelli, muri di case … / Noi, in cucina, eravamo nel silenzio. / “Hai sentito?” “Ho sentito..” e lì nell’aria / come d’un campanello risuona la casa… / … drin drin drin … drin drin drin … e la sua aria / ci toccava, io e Sergio, con una sua mano, / e noi vedevamo i vetri farsi d’aria / rintanati dietro la credenza come ciabatte… / .. abbiamo avuto i brividi, abbiamo tastato la morte… / … poi, c’è stato un fracasso di chiavi e, nel trambusto, / mia madre grida: “Cosa fate? .. e le sbarre alle porte?”, / “Giocavamo” ho detto in fretta, e il corridoio / era il silenzio, e non c’era più la morte.

 

 

8.

Ah sera del silensi, aria che canta!
Culumba bianca che par lì che dorma,
rùnden in sîgh se piàsen nel vulà…
Me scend la sera di pagn stês, la furma
viöla del sû, a l’öcc ‘me nèbia bianca,
e quj cicip di passer, e me returna
rümur flap di pignatt, de donn in stracca,
i vûs riss di fiulitt, e quèl luntan
de antenn, de grü sü la citâ che manca…
Ah bèl balà di cord, passà de man,
giögh de mulètt, la crapa dora a cera
che sbassa e alsa tra quj camîs che sfan
i sò culur ne l’aqua de la sera…
Inscì me piâs pensàt, tusa de l’umbra,
amisa mia del cör mai fada vera.

 

Ah sera del silenzio, aria che canta! / colomba bianca che sembri dormire, / rondini in grido si piacciono nel volare… / Mi scende addosso la sera dei panni stesi, la forma / viola del sole, all’occhio come nebbia bianca, / e quel cipcip dei passeri, e mi ritorna / il rumore fievole delle pignatte, delle donne in stanca, / le voci riccioline dei bambini, e quella lontananza / delle antenne, delle gru sulla città che s’acquieta… / Ah che bel ballare delle corde, passare delle mani, / giochi di mollette, la testa bionda pallida / che abbassa e alza fra le camicie che sfanno / i loro colori nell’acqua della sera… / Così mi piace pensarti, ragazza dell’ombra, / amica mia del cuore mai diventata vera.

 

 

9.

Se piâs el sû fra l’umbra di cavèj,
se piâs de l’öcc che trèma, del sò corp,
de l’aqua d’umbra che s’ciara el sò bèl rìdd,
e mì a un ram cuj man me strengi fort …
Sedèss la lüna l’è fenta dré di tècc,
sbilenca, matta, silensi d’un sò ciar
ne l’aria ‘me ‘n balun la fiada al fil di urècc,
la slisa fenta nel vusà del mar…
Ah bèla tusa sü la barca a vela,
amiga kores nel suris del ciar,
te vedi ‘rent a vel che te me pàrlet
cun quel cantà di öcc sensa vardà…
Sura quj mür antîgh tra i lüs di câ
el sègn de tì fra i brasc l’era un cantà…
Varda quj stèll, sogna quel lüsià
fra i scür culònn d’un mund sdementegâ…
L’è nel silensi el tò surìd de tusa
fra i prèj che ne la sera s’în desfâ…
E inscì l’è dèl sentì ch’insèma al vent
vègn, cum’n rìdd d’un Diu luntan che sa.

 

Si compiace il sole fra l’ombra dei capelli / si bea dell’occhio che trema, del suo corpo, / dell’acqua d’ombra che rischiara il suo bel ridere, / e io a un ramo colle mani mi stringo forte … / Poco fa la luna era finta dietro ai tetti, / sbilenca, matta nel silenzio d’un suo chiarore / nell’aria come un palloncino respira al filo delle orecchie, / scivola via finta al vocio del mare… / Ah bella ragazza sulla barca a vela, / amica kores nel sorriso del chiaro, / ti vedo attaccata alle vele che mi parli / con quel cantare degli occhi senza guardare … / Al di sopra di quei muri antichi tra le luci delle case / il segno di te fra le braccia era un altro canto… / Guarda quelle stelle, sogna quel luccicare / nel buio delle colonne d’un mondo dimenticato… / È nel silenzio il tuo sorriso di ragazza / fra le pietre che nella sera si sono sfatte … / E così è bello sentire che insieme al vento / ci giunge il ridere d’un Dio lontano che sa.

 

 

Tratto da
Franco Loi, Il silenzio ; Milano ; Udine : Mimesis, 2012 ; Collezione · Mimesis. Accademia del silenzio ; 3 ; [ISBN] 978-88-575-0992-1 ; Classificazione Dewey · 808.3 (20.) Retorica della narrativa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...